Bianchi e rossi, da sud a nord d’Italia, ecco i vini da bere con la pizza

Volete consigliare un ottimo abbinamento pizza vino senza voler sembrare troppo pignoli? Due vini, in particolare, offrono valide alternative da abbinare alla pizza: il Gragnano dalle uve Aglianico e Piedirosso, e il Prosecco, una delle bollicine italiane più conosciute nel mondo. Il Prosecco è il vino bianco del bere semplice e anche per questo perfetto con l’altrettanto semplice margherita.

 

Con una leggera effervescenza, di colore rosso rubino più o meno intenso, l’altro abbinamento è il Gragnano, ottimo anche questo con la pizza margherita, meglio se con pomodorini San Marzano e fior di latte, ma anche con la napoletana e con la sempre più richiesta salsicce e friarelli. Nonostante il colore, si può servire freddo, meglio se lasciato arieggiare per un’ora.

 

Se però al tavolo ordinano una marinara, pizza vegana già in tempi non vegani, meglio evitare un Gragnano che con la pizza rossa potrebbe aumentare la tendenza acida di pomodoro e vino. E se al rosso non volessero rinunciare, è da provare il Montepulciano d’Abruzzo, nella tipologia Cerasuolo, rosato ma con la personalità di un vino rosso, ottimo con pizze anche di solo pomodoro.

 

Per rimanere nel Centro Italia e non tradire il percorso di ricerca di un gusto che proprio nell’abbinamento con la regina del made in Italy deve essere tutto italiano, arriviamo all’oro bianco delle Marche, il Verdicchio, che volentieri si sposa con la pizza vegetariana. C’è solo l’imbarazzo della scelta su quale Verdicchio (di Matelica, di Jesi?) far convogliare a nozze. Dal bianco di nuovo al rosso, arrivando in Toscana. Proprio il vino della regione geografica del Chianti, il Chianti Classico, è da consigliare su una pizza più decisa nel gusto e nei condimenti, come una diavola o una prosciutto e funghi.

per vedere ulteriori prodotti correlati effettua la registrazione!

iscriviti alla newsletter

iscriviti