Logistica e arredi: occhio al bancone e, se l’edificio è nuovo, ai rapporti tra gli spazi

Non c’è dubbio che le valutazioni prioritarie da fare in vista dell’apertura di un locale, sono, dopo la location su cui abbiamo già dato qualche suggerimento, la logistica e i costi delle attrezzature e degli arredi. Partiamo da questi ultimi e dal disegno del locale.

 

Il disegno del locale

Per logistica intendiamo il disegno del locale e da lì la dislocazione da una parte degli arredi per gli spazi destinati alla somministrazione, e dall’altra delle attrezzature per gli spazi di servizio. Sul disegno del locale diciamo subito che se si tratta di un edificio di nuova costruzione il rapporto tra i due spazi - quelli appunto destinati al bancone e ai clienti e quelli invece per gli spogliatoi, la cucina, il magazzino, i bagni e gli antibagni – deve essere per legge intorno al 50%. Tra i requisiti strutturali il regolamento del Comune di Firenze, per esempio, chiede che la superficie complessiva dell’unità immobiliare sia ripartita “in modo equilibrato” fra le due aree. Può sembrare scontato ma non lo è trovare superfici tali che consentano una divisione così “equilibrata” tra gli spazi. Diverse le considerazioni da fare se si tratta di esercizi di interesse storico, spesso inseriti in contesti urbani caratteristici e per i quali, in genere, vige un regime particolare di tutela finalizzato a preservare la loro funzione. In ogni caso solo dopo aver effettuato questa valutazione sulla logistica sarà possibile passare alla valutazione dei costi per gli arredi. 

 

Arredi per il bar, occhio al bancone

La nota dolente è il bancone, nel senso che tra i costi per l’arredo è l’elemento che incide di più. Per la vetrina refrigerata (o riscaldata) i prezzi possono variare da un minimo di 2000 a un massimo di 15-20mila euro. C’è poi la cella frigo e il piano dove si poggiano tazze e tazzine, quest’ultimo sull’ordine di poche decine di euro o di diverse centinaia a mq a seconda dei materiali scelti. Per rimanere su un livello medio che non ambisca a un arredo di design, il costo di un banco bar medio è intorno ai 5000-7000 Euro al mq. Da non dimenticare che la superficie occupata dal bancone di somministrazione non è mai modesta, per varie ragioni. Tornando alla logistica e rimanendo al regolamento del Comune di Firenze, tale superficie non può essere inferiore al 60% di quella totale dell’unità immobiliare.

 

Arredi per il ristorante, sedie e tavoli i più costosi

L’arredo di una sala di un ristorante significa soprattutto tavoli e sedie e i costi, in genere, sono più bassi di quelli di un bancone. Prendiamo un ristorante di medio-alto livello con una cinquantina di coperti. Il costo delle sedie potrebbe aggirarsi tra i 2500 euro e forse il doppio se gli arredi vogliono essere al top di gamma. Stesso discorso per i tavoli: per una ventina di tavoli i costi possono oscillare tra i 4000 euro e circa il doppio se puntiamo ad arredi di design. Nel caso di un ristorante di medio livello con circa 50 coperti, i costi più alti di arredo della sala, sono quindi intorno ai 6500 Euro. Con differenze ancora più consistenti verso il basso. 

per vedere ulteriori prodotti correlati effettua la registrazione!

iscriviti alla newsletter

iscriviti