Anno nuovo, voglia di cambiare. Nuova vita agli arredi senza spendere una fortuna

L’anno nuovo porta con sé voglia di rinnovamento e gennaio diventa il mese giusto per dare una rinfrescata agli arredi e all’immagine del vostro locale. La prima considerazione da fare, però, è sul budget: se non voglio realizzare un restyling completo, come posso cambiare qualcosa senza spendere una fortuna? Anno nuovo o meno, il desiderio di donare al proprio locale un tocco di novità e freschezza nello stile, è qualcosa con cui il gestore di un locale si trova prima o poi fare i conti. Pensiamo allora a soluzioni se non per tutte le tasche, per tasche non troppo propense a investire una fortuna.

 

 

L’illuminazione, con poco tanto

Primo intervento a cui pensare, l’illuminazione. Il sistema a Led in sostituzione anche del neon in prossimità del bancone, è una soluzione che piace molto oggi e che pensata in abbinamento a luci colorate, può dare un effetto molto particolare. I Led, però, non sono economici. Una spesa più contenuta sulle luci può essere fatta con i faretti che costano meno e regalano anch’essi effetti particolari.

 

 

 

Già chiara, però, deve essere l’idea di stile che si vuole trasmettere: se è quella di un bar classico che ponga in evidenza la linearità degli arredamenti, conviene puntare su un’illuminazione a giorno, quindi su luci neutre, se, invece, vogliamo ripensare il locale in chiave lounge bar, l’illuminazione calda e con zone di luce più soft, è quella da prediligere.

 

 

Il bancone, sostituirlo o ricoprirlo?

Il bancone è un altro punto decisivo del vostro restyling, pur minimo che sia. Il rivestimento nuovo di un bancone parte da costi non inferiori ai 5000 Euro. Ma se il vostro budget è limitato ci sono almeno due soluzioni alternative molto interessanti.

 

  • Un tocco di colore che cambia l’effetto da tradizionale a moderno (il bianco è quello più richiesto al momento). La finitura più utilizzata, invece, è il satinato più facile da stendere e con effetti molto piacevoli.
  • La tecnica delle pellicole che con poco impegno di spesa, restituisce nuova vita al bancone: si tratta di decorazioni che spaziano da una gamma di finiture dal naturale all’hi-tech con il vantaggio di potersi applicare in un giorno, senza bisogno di chiudere il locale. I costi, rispetto a una sostituzione generale di un bancone di media qualità, si aggirano intorno al 30% in meno. Un prodotto bello esteticamente, lavabile, resistente ai graffi e funzionale anche dal punto di vista dell’igiene.

 

 

Il pavimento, la cenerentola del restyling

Sempre sottovalutato, il pavimento, tuttavia, può influenzare molto l’aspetto complessivo di un locale. Anche in questo caso rifare un pavimento per un locale di circa 100 mq ha costi minimi non inferiori ai 5000 Euro. Una soluzione economica e d’effetto è il pavimento in laminato. Punti deboli: si consuma più facilmente e con facilità è sottoposto a graffi. Valida alternativa è il pavimento autoposante a secco, molto utilizzato nelle ristrutturazioni perché non va a incidere sulla superficie preesistente e facile da posare perché non richiede l’uso di colle o stucchi.

Da un minimo di 10 Euro al mq per le piastrelle in vinile si può arrivare anche a 30 Euro al mq a salire per quelle in gres porcellanato. Sempre meno, comunque, del rifacimento di una pavimentazione classica che si aggira intorno ai 60 Euro al mq.

per vedere ulteriori prodotti correlati effettua la registrazione!